Co.Si.P.S. proclama lo stato di agitazione dei Medici Competenti italiani e una giornata di astensione dal lavoro per il giorno 22 maggio quale protesta per il mancato inserimento di un rappresentante della categoria nel Comitato Tecnico-scientifico della Protezione Civile.

Nonostante le legittime richieste dei Medici Competenti italiani, che hanno inviato anche una petizione sottoscritta da migliaia di professionisti per richiedere l’inserimento di un loro rappresentante nei comitati di esperti del Governo per l’emergenza COVID e in occasione del rientro nei luoghi di lavoro di milioni di lavoratori, il Presidente del Consiglio ha scelto di inserire personalità non mediche e che quindi non dispongono delle necessarie competenze per la tutela della Salute in ambito lavorativo.

Inesplicabili lacune, incertezze e provvedimenti discutibili hanno tracciato questa prima fase dell’emergenza sanitaria per Covid-19 e la ripresa delle attività produttive, senza aver preventivamente concordato procedure e percorsi con chi viene chiamato a sottoporre tutti i lavoratori a una “sorveglianza sanitaria eccezionale” rischia di vanificare quanto fatto fin ora con i provvedimenti di restrizione messi in atto.

Co.Si.P.S. – e in particolare l’Area Medici Competenti che ha iscritti in tutto il Paese – proclama lo stato di agitazione e una giornata di astensione da tutte le prestazioni professionali per il prossimo 22 maggio 2020.

Il Segretario Nazionale dell’Area Medici Competenti dott. Ernesto  Ramistella e il Coordinatore Nazionale Co.Si.P.S. dott. Ernesto Cappellano  dichiarano di essere pronti a revocare l’iniziativa in caso di accoglimento della richiesta. 

LEGGI E SCARICA IL COMUNICATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *