Ridimensionamento della Prevenzione nel Lazio? No grazie, COSIPS non ci sta!

Pronto il ridimensionamento del Dipartimento di Prevenzione nella Regione Lazio ma COSIPS non ci sta’ e denuncia a tutti i livelli questa miope politica di tagli di Servizi indispensabili per la sicurezza dei cittadini. A breve un convegno con conferenza stampa per denunciare pubblicamente il taglio di servizi della Prevenzione che mettono a rischio i controlli necessari per la prevenzione e in particolare quelli legati alla sicurezza alimentare e nutrizionale. Nonostante che il personale dei Servizi si sia ridotto enormemente in questi anni a causa del blocco del turn-over non sono diminuiti i controlli e le iniziative messe in atto dal Dipartimento. Se oggi si conoscono dati sulla presenza di arsenico nelle acque, pesticidi nella frutta e negli ortaggi che consumiamo ogni giorno, come altre sostanze nocive che vengono rinvenute negli alimenti è grazie ai controlli che vengono esercitati dai nostri S.I.A.N. che con tempestività provvedono grazie al Sistema di Allerta a effettuare ritiri di tonnellate di alimenti che altrimenti raggiungerebbero le tavole degli italiani. Altrettanto importante è la costante sorveglianza in ambito nutrizionale che sta portando evidenti risultati nella lotta all’obesità e alle malattie legate a disordini nutrizionali. Tutto questo deve essere sacrificato per quale motivo? Anche il tavolo di controllo governativo sui provvedimenti dei piani di rientro nella relazione dello scorso Luglio ha bocciato i provvedimenti di riduzione dei Servizi del Dipartimento di Prevenzione che sono individuati dal D.Lgvo 502/92. Noi vogliamo nome e cognome di chi pensa che i tagli nella Prevenzione saranno salutari per il bilancio della Regione e del nostro SSR.  Speriamo non sia la dott.ssa Flori Degrassi che oltre ad un recente passato da D.G. nella ASL RMB è anche Medico Igienista. Gli sprechi vanno combattuti eliminando Servizi non previsti, quelli che spesso stanno negli staff delle Direzioni Aziendali, non quelli indispensabili e previsti dalla Legge. A tutti i livelli lotteremo fino in fondo a tutela dei Servizi e dei cittadini.

 

panorama sanità articolo prevenzione

 

 

 

 

Torna su