Co.Si.P.S. scrive alla Regione in merito agli eccessi di inidoneità nelle strutture sanitarie pubbliche lamentato pubblicamente dall’Assessore d’Amato.

Mercoledì scorso sul Messaggero di Roma sono stati pubblicati diversi articoli relativi al problema delle troppe idoneità lavorative rilasciate nell’ambito della sorveglianza sanitaria nelle Aziende Pubbliche. Per arginare il problema, secondo l’Assessore D’Amato, si sarebbe pensato di accentrare le visite presso un unico “ente terzo”.

Oggi è stata inviata nota in Regione di cui si allega il testo.